Materie prime

Cresce la domanda di Oro come bene di rifugio nel 2016

Investire in Oro, Ashanti AngloGold grazie al Brexit aumenterà la proprio liquidità

I prezzi dell’oro sono scambiati vicino ai livelli più alti di quest’anno, dato che gli investitori hanno cercato un bene di rifugio sulle crescenti preoccupazioni della crescita globale. L’oro ha colpito un massimo di 1367 dollari l’oncia questa settimana, poco meno del suo massimo di 1,374.71 raggiunto l’11 luglio, per poi scendere di nuovo a 1,357.40. Il metallo prezioso è in crescita del 28 per cento quest’anno.

Il Bloomberg Commodity Index è aumentato del 13% nel secondo trimestre, con le materie prime che hanno superato le performance delle azioni, obbligazioni e del dollaro, segnando così il migliore trimestre dal 2010 e sancendo un rinnovato interesse per le materie prime dopo anni di eccesso di offerta e prezzi deboli.

Il prezzo dell’oro è stato guidato anche grazie all’acquisto dei fondi intermediari, le quali hanno grosse partecipazioni nel metallo. Queste partecipazioni dei fondi sono al loro livello più alto dal luglio 2013, secondo i dati compilati da Bloomberg. In contrasto con l’oro, gli ETF che supportano platino e palladio hanno visto una decrescita dei flussi.

Gli investitori si rivolgono all’Oro come un rifugio contro il contesto di tassi di interesse negativi e l’incertezza globale in seguito al voto del Regno Unito pro Brexit e lo stimolo in espansione del Giappone e Australia. Lo yen è salito di oltre il 4% questa settimana contro il dollaro seguendo il recente annuncio di un pacchetto di stimolo economico giapponese, 275 miliardi di dollari, non all’altezza delle aspettative del mercato. Come la Svizzera, anche il Giappone si trova nel bel mezzo di un lungo periodo deflattivo, le fluttuazioni delle monete di riferimento sono sganciate dall’andamento economico nazionale e i rischi che comporta un investimento su questi asset tutt’altro che minimo.

L’oro e lo yen sono visti come rifugio in questo momento e sono commerciabili più o meno nello stesso modo, e i vari annunci di ieri del governo giapponese hanno rafforzato lo yen e spinto i lingotti verso l’alto,

ha detto David Govett, broker di Marex Spectron.

Le aspettative che la Federal Reserve aumenterà lentamente oneri finanziari nel prossimo anno hanno anche sostenuto l’oro e i prossimi tassi di interesse più elevati rendono più attraenti le obbligazioni. Il mercato dell’oro è ancora molto sensibile ai dati economici degli Stati Uniti. Il rilascio di un numero di posti di lavoro superiore a quello previsto nel rapporto del libro paga privata ADP ha spinto il prezzo dell’oro in calo dello 0,5 per cento. Il rapporto di posti di lavoro non agricoli degli Stati Uniti uscirà Venerdì.

Oro e argento continueranno ad apprezzarsi nei prossimi mesi ? Il potenziale rialzista è sicuramente realistico. Negli ultimi quattro anni, la Fed ha promesso che i tassi di interesse Usa sarebbero saliti stabilmente, ma i mercati stiano iniziando a soppesare le possibilità di un taglio del costo del denaro prima della fine del prossimo anno. Eppure, la domanda di oro fisico è stata debole quest’anno in India e Cina, i due maggiori consumatori. Gli investitori sono in attesa di vedere se ci sarà un rialzi nelle stagioni dei festival indiani nel mese di ottobre.

Summary
Cresce la domanda di Oro come bene di rifugio nel 2016
Article Name
Cresce la domanda di Oro come bene di rifugio nel 2016
Description
I prezzi dell'oro sono scambiati vicino ai livelli più alti di quest'anno, dato che gli investitori hanno cercato un bene di rifugio sulle crescenti preoccupazioni della crescita globale. L'oro ha colpito un massimo di 1367 dollari l'oncia questa settimana, poco meno del suo massimo di 1,374.71 raggiunto l'11 luglio, per poi scendere di nuovo a 1,357.40. Il metallo prezioso è in crescita del 28 per cento quest'anno.
Author
Publisher Name
Domino Solutions
Publisher Logo

Lascia un commento