Analisi ETF

I 3 ETF sullo S&P500 migliori da inizio anno

I 3 ETF sullo S&P500 migliori da inizio anno

Dopo aver sofferto pesantemente subito dopo il voto Brexit, lo S&P500 ha rimbalzato fortemente facendo registrare il più alto guadagno settimanale dal 20 Novembre. Lo scioglimento sui timori per la Brexit e i forti aumenti del prezzo del petrolio sono stati i principali fattori alla base del rimbalzo. Il benchmark ha registrato un guadagno settimanale del 3,2% la scorsa settimana. Questo ha aiutato gli ETF che replicano la performance dell’indice S&P500 di registrare guadagni durante la scorsa settimana.

I colloqui di stimolo aggressivo nel Regno Unito hanno spinto gli investitori verso un notevole interesse per l’acquisto di titoli dei settori che sono scesi maggiormente tra cui i finanziari, che hanno svolto un ruolo chiave nel diminuire i timori per la decisione della Gran Bretagna di lasciare l’Unione europea.

Nel frattempo, le crescenti aspettative di stimolo economico più aggressivo in Inghilterra ha avuto anche un impatto positivo sul sentiment degli investitori. Il Governatore della Banca d’Inghilterra Mark Carney ha indicato che le nuove misure di stimolo potrebbero essere necessarie per incrementare l’economia del paese. Carney ha detto che:

Le prospettive economiche si sono deteriorate e la politica monetaria allenterà molto probabilmente durante l’estate. Dovremmo discutere ulteriormente la gamma di strumenti a nostra disposizione e prendere misure supplementari necessarie.

Forti guadagni dei prezzi del petrolio
Sia il greggio WTI sia il Brent sono aumentati del 5,7% la scorsa settimana, che a sua volta hanno portato i settori energetici a registrare guadagni. Il settore energetico più ampio – Energy Select Sector SPDR ETF (XLE) – ha guadagnato il 2,7% durante lo stesso periodo. I prezzi del petrolio hanno recuperato sul debole dollaro, gli scioperi in Norvegia e l’interruzione della produzione in Venezuela.

Inoltre, raffinatori e produttori di petrolio in Venezuela hanno lottato per mantenere la produzione in seguito la carenza di attrezzature e interruzioni di corrente. Inoltre, l’Energy Information Administration (EIA) ha riferito che le scorte commerciali di petrolio negli Stati Uniti sono diminuite di 4,1 milioni di barili a 526,6 milioni per la settimana conclusa il 24 giugno registrando il loro sesto declino settimanale. Questo è stato il più ampio rispetto alle previsioni di una diminuzione di 2,4 milioni di barili degli analisti.

Il forte rimbalzo ha contribuito al rimbalzo dello S&P500 facendolo chiudere a fine settimana intorno i 2100 punti. In questo scenario, abbiamo evidenziato tre ETF che replicano la performance dell’indice e rimarranno sul radar degli investitori, almeno nel breve termine.

SPDR S & P 500 ETF (SPY)
Questo fondo detiene 505 titoli nel suo paniere con il 17,8% del proprio patrimonio investito nei primi 10 titoli. Information Technology occupa la prima posizione mentre Financials si attesta alla seconda posizione con il 15,6% del suo patrimonio. SPY ha restituito il 3,5% la scorsa settimana. Il fondo è molto popolare con 178 miliardi di capitalizzazione e un forte volume medio giornaliero di oltre 122 milioni di azioni. Inoltre ha un dividend yield annuo del 2,1%. Da inizio anno sta rendendo il +3% esclusi i dividendi.

iShares Nucleo S & P 500 (IVV)
Questo prodotto mantiene un portafoglio di 504 titoli nel suo paniere con il 17,8% del proprio patrimonio investito nei primi 10 titoli. Come SPY, Information Technology occupa la prima posizione mentre Financials occupa la posizione successiva con il 15,6% del suo patrimonio. IVV è salito del 3,6% la scorsa settimana. Questo fondo popolare ha 73 miliardi di capitalizzazione e un solido volume medio giornaliero di oltre 4 milioni di azioni. Ha un dividend yield annuo del 1,7%. Da inizio anno sta rendendo il +2.83% esclusi i dividendi.

Vanguard 500 ETF (VOO)
Questo fondo detiene 509 titoli nel suo paniere con il 18,6% del proprio patrimonio investito nei primi 10 titoli. Proprio come i due precedenti, Information Technology occupa la prima posizione mentre Financials occupa la posizione successiva con il 16,3% del suo patrimonio. VOO è salito del 3,7% la scorsa settimana. Il fondo è molto popolare con 46 miliardi di capitalizzazione e un forte volume medio giornaliero di oltre 2 milioni di azioni. Ha un dividend yield annuo del 2,1%. Da inizio anno sta rendendo il +2.85% esclusi i dividendi.

Lascia un commento